Attendere...

VOICE OF DGS

NOEMI COLOMBO


Technical Leader

Digital Solutions

Raccontaci qualcosa di te: riassumi i tratti salienti della tua personalità e del tuo percorso di vita.

Sono estroversa e allegra, caparbia e piuttosto esigente, nel lavoro come nella vita personale. Dopo la laurea ho conosciuto quello che poi sarebbe diventato mio marito, con cui oggi ho uno stupendo bambino di 4 anni. Qualsiasi cosa decida di fare, ho idea di come la vorrei realizzata e nutro (non troppo segretamente) la pretesa che i miei compagni di avventura diano il loro meglio nel perseguire gli obiettivi comuni. Mi piacciono le persone, le sfide, programmare le cose, avere sempre qualcosa che bolle in pentola. Tendo ad annoiarmi quando un’attività diventa ripetitiva o acquisisco le competenze per cui mi risulta banale. Fortunatamente in DGS questo non accade, ho un lavoro molto vario e dinamico!  

Riguardo al mio percorso di vita dirò solo che mi sento fortunata ad aver avuto una serie di occasioni, e che spero di saperle sfruttare al meglio. Non mi sento per niente arrivata ma so abbastanza bene dove sono, curiosa di scoprire quello che diventerò domani.

Cosa vuol dire essere Technical Leader in DGS?

In questo momento, vuol dire essere in un vortice in crescita, perché la parte di prodotto di cui mi occupo sta prendendo forma e crescendo in maniera rapidissima. 

Oltre allo sviluppo del modulo di Demand Forecasting, mi occupo della fase di prevendita e seguo in prima persona i primi clienti ComplEtE®, che fortunatamente sono sempre di più.  

Formo le persone che si prenderanno cura dei progetti che stiamo avviando, e provo una sincera soddisfazione quando vedo che diventano autonome e sono appagate da quello che fanno. 

Sono referente tecnico dei progetti di ricerca che riguardano la supply chain, il che mi ha consentito di conoscere un mondo nuovo, fatto di contenuti innovativi tutti da scoprire, di sperimentazione, di burocrazia, di coordinamento tra tanti enti... mi ha permesso di rendermi conto che c'è molto altro oltre al mio codice, e altrettanto interessante.

La tua esperienza in DGS: quali sono gli aspetti più interessanti del tuo lavoro? Cosa significa per te far parte del team DGS?

È relativamente poco tempo che lavoro in DGS e sono locata in una in una sede piuttosto periferica; anche ciò di cui mi occupo è nuovo per DGS e distante dal suo business “storico”: nonostante ciò mi sento parte di un gruppo. 

Pur avendo a che fare quotidianamente con una manciata di colleghi "stretti", ogni volta che mi devo rivolgere ad una persona sconosciuta trovo persone davvero gentili e competenti, addirittura affettuose, che spero un giorno di conoscere di persona. Sapere che quando si tende una mano c’è sempre qualcuno che la afferra è alla base della sicurezza lavorativa, che è alla base del lavorare bene. 

È difficile dire quali siano gli aspetti più interessanti perché praticamente tutte le cose che sto facendo mi interessano.

Cosa diresti a chi sta valutando un’opportunità professionale in DGS?

La prima cosa che mi viene da dire è che DGS dà spazio, sia per via un approccio manageriale piuttosto illuminato, sia perché di spazio se ne crea ogni giorno: DGS sta crescendo, in tutte le direzioni.

In un universo in espansione di spazio ce n’è sempre… sta a noi riempirlo. 

E poi, per quella che è la mia esperienza di questi due anni, DGS dà fiducia alle proprie persone, spingendole credere un po' di più in sè stesse e preparandole a prendersi nuove responsabilità. E quindi a crescere, in maniera spontanea, positiva e reale.